Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

Gli artigiani fabrianesi nel XIII secolo hanno introdotto alcune migliorie nelle tecniche per la lavorazione della carta. Sono stati proprio gli artigiani di Fabriano ad inserire nella produzione ad esempio la pila idraulica a magli multipli, macchinario questo dal tronco squadrato, con vasche di contenimento e una ruota idraulica, capace di sfruttare l’energia dei corsi d’acqua in modo impeccabile. Sono stati loro ad inserire l’utilizzo della gelatina animale e ad inventare la filigrana, così da poter contrassegnare i documenti di valore in modo semplice, così da poter anche identificare con immediatezza il produttore della carta.

Coloro che decidono di visitare Fabriano, devono proprio per questi motivi assolutamente andare alla scoperta del Museo della Carta e della Filigrana. Questo però non è certo l’unico museo disponibile in città.

Il Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano

La carta fa ormai parte della nostra vita quotidiana e nel corso degli anni abbiamo assistito ad un progresso crescente. Basti pensare che oggi siamo in grado di produrre buste riciclate che sono amiche dell’ambiente e in cui viviamo, fogli di carta in ogni possibile spessore e colore, oggetti in carta talmente tanto belli da poter essere considerati come delle vere e proprie opere d’arte. Sì, abbiamo assistito ad un progresso crescente, ma per comprendere appieno questo progresso è necessario fare un passo indietro nel tempo e andare alla scoperta della storia. Questo è possibile varcando la soglia del Museo della Carta e della Filigrana.

Il museo permette di effettuare un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, per scoprire come gli artigiani del XIII secolo preparavano la carta del tutto a mano. Documenti, curiosità e aneddoti accompagnano il visitatore, che può anche partecipare a laboratori pratici di altissimo livello. I laboratori sono adatti a tutti, adulti e bambini, e consentono di assaporare il sapore più genuino della carta e della sua produzione.

Il museo trova dimora nell’ex convento di San Domenico, luogo questo ricco di suggestione. Bellissimo anche il parco antistante il museo, dove rilassarsi dopo la visita e dove sono presenti anche delle aree gioco perfette per i bambini.

Il Museo del Pianoforte Storico e del Suono

Tra gli altri musei di Fabriano che vale davvero la pena visitare, il Museo del Pianoforte Storico e del Suono, all’interno del Complesso Monumentale di San Benedetto a Fabriano. Qui sono presenti 28 pianoforti storici, della Collezione Claudio Veneri, datati dalla fine del Settecento ai primi anni del Novecento. Le visite guidate a cui è possibile partecipare hanno davvero dell’incredibile, visite-concerto infatti in costume d’epoca. È un museo che consente di scoprire come il pianoforte si è evoluto nel corso del tempo e offre anche uno spaccato di storia della musica con la possibilità di scoprire da vicino alcuni dei compositori che hanno utilizzato proprio quei pianoforti, come Bach e Mozart, come Beethoven e Chopin, come Debussy e Ravel.

Il Museo dei Mestieri in Bicicletta

Non tutti si rendono conto di quanto la bicicletta in passato fosse importante, anche nel mondo del lavoro. Innumerevoli mestieri non avrebbero potuto esistere un tempo senza una bicicletta! Pensiamo agli arrotini, ma anche ai barbieri che un tempo lavoravano direttamente a domicilio, nonché a lattai e contadini, senza dimenticare i calzolai. Anche i parroci un tempo erano soliti utilizzare una bicicletta per le benedizioni. Il museo ripercorre la storia di questi mestieri, dagli anni ‘20 agli anni ‘60, ed espone 87 meravigliose biciclette da collezione.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Andalo

Andalo: i migliori consigli su attrazioni e cose da vedere Non tutti sono amanti del mare o, quanto meno, non sempre l’abbronzatura e l’acqua salata rappresentano l’unica possibilità vacanziera. Per molte persone, infatti, rifugiarsi nella frescura della montagna, godendo dell’aria incontaminata e della natura suggestiva dei boschi o delle alture più adrenaliniche, rappresenta puro relax.

Isole Egadi

Isole Egadi: ecco cosa fare e i migliori consigli per visitarle La Sicilia è una meta vacanziera estiva gettonatissima, ma il divertimento non si limita all’isola principale. Quelle minori, infatti, sono delle piccole gemme circondate dal mare che offrono spiagge da sogno e possibilità di relax esclusive. Tra queste, spiccano le Egadi, un vero fiore

Malaga, i nostri consigli

6 cose da fare a Malaga in Spagna Visitare Malaga Malaga, in Spagna, è una delle città più visitate d’Europa e, grazie alle sue spiagge e agli ottimi collegamenti, è anche il luogo ideale per un weekend di vacanza. È facile raggiungerla in aereo da molte destinazioni europee. Una volta arrivati, potrete godervi la vivace

St. Moritz

5 cose da fare a St. Moritz in Svizzera Visitare St. Moritz i consigli per visitarla Situata nella regione dell’Engadina, in Svizzera, St. Moritz è una delle località di sport invernali più famose al mondo. Negli ultimi cento anni è cresciuta fino a diventare una città con meno di 20.000 abitanti. Tuttavia, la sua popolarità

Lapponia

Le 6 migliori cose da fare in Lapponia, Finlandia Se volete visitare una terra di neve, foreste, laghi e renne, la Lapponia è il posto giusto. Questa regione settentrionale della Finlandia è nota anche come la terra del sole di mezzanotte, perché è abbastanza vicina al Polo Nord da non avere quasi nessun periodo di