Gressan

Gressan

Borgo di Gressan

Gressan è un borgo valdostano incastonato tra le montagne della Val D’Aosta, sorge a 626 metri di altitudine lungo le sponde del fiume Dora, ai piedi del Monte Bianco e del Cervino.
A poca distanza da questo comune di poco più di 3000 abitanti, si trovano sia il capoluogo di regione, Aosta, che la celebre località di Pila, una delle stazioni sciistiche più conosciute d’Italia.
Situato in una posizione ottima per chi ama immergersi nella natura e nei paesaggi montani.
A pochi passi dal Parco Naturale del Gran Paradiso, il borgo è adagiato su un territorio caratterizzato da frutteti e da una vasta natura, pronta a stupire i visitatori.

Arte e Cultura

Per chi è appassionato di cultura, arte e architettura Gressan è, come molti altri luoghi di interesse in Valle d’Aosta, una tappa da non perdere. Andando alla scoperta del centro di Gressan è possibile osservare diversi edifici religiosi meritevoli di  visita, come la Parrocchiale di Gressan, il suo campanile poggia sulle fondamenta del castello De Graciano, di origini medievali e ad oggi non più visibile.
La Chiesa di Sainte-Marie-Magdeleine, dedicata a Maria Maddalena, in stile romanico spicca tra i filari dei frutteti, insieme al suo campanile considerato tra i più belli dell’intera regione.
Vi è poi il Castello de La Tour de Villa, un castello medievale privato, che è stato abitato fino ad epoche recenti dai proprietari, ad oggi non è visitabile.
Da quest’ultimo è facilmente raggiungibile con una breve passeggiata la Torre de la Plantaz, una massiccia torre di avvistamento, dalle origini incerte e ridotta ormai ad un rudere, ma pur sempre suggestiva.

La Tour de Villa
La Tour de Villa

Gressan in inverno

Grazie al suo collegamento con Pila (sede di uno dei migliori comprensori sciistici), Gressan è molto apprezzata in inverno, un punto panoramico dal quale con lo sguardo è possibile abbracciare uno scenario che va dal Monte Bianco al Monte Rosa, dal Cervino al Grand Combin, fino al Gran Paradiso.
Vi è inoltre una telecabina che collega Pila e Aosta, rendendo i 70 chilometri di piste ancora più accessibili e comodi, un luogo magico per chi ama lo sci, o praticare snowboard, o  per chi desidera cimentarsi in attività originali come lo sleddog, lasciandosi trainare da una muta di cani da slitta sulla neve candida della Valle D’Aosta.

Panorama piste Pila
Panorama piste Pila

Gressan in estate

Indimenticabili percorsi outdoor, un paio di scarpe da trekking ed il gioco è fatto.
Sono numerosi, ed incredibilmente scenografici i percorsi a disposizione nei dintorni del borgo valdostano, è possibile ad esempio seguire il tragitto che porta fino all’antico eremo di San Grato, punto terminale della “Route des Jeunes”, oppure scegliere una passeggiata nel verde adatta a tutta la famiglia, come quella che conduce all’Alpe Grivel, a 1910 metri d’altezza.
Altro percorso interessante è quello che da Aosta sale fino a Pila, passando per Gressan, Acque Fredde, Charvensod ed altri punti di interesse, percorribile sia a piedi che in sella ad una mountain bike.
Un facile itinerario lungo il fiume invece quello della pista ciclo-pedonale Sarre–Fénis, ideale per passeggiate, jogging o tranquille pedalate costeggiando le rive della Dora Baltea.
A poca distanza dal centro di Gressan, vi è la Riserva Naturale Côte de Gargantua, quest’ultima è famosa per contornare il “mignolo del gigante”, un celebre sperone di forma allungata che si è formato da depositi di origine glaciale, ma che secondo la leggenda sarebbe il mignolo del gigante Gargantua, sepolto da una coltre di detriti, un personaggio inventato dallo scrittore e umanista francese Rabelais.
In conclusione Gressan è davvero una fonte infinita di emozioni: tra voli in parapendio, giri in mongolfiera ed assaggi di prodotti tipici del territorio, che non possono mai mancare.
E’ impossibile non tornare meravigliati da un viaggio in questo borgo gioiello della Val d’Aosta.

Riserva Naturale Côte de Gargantua
Riserva Naturale Côte de Gargantua

 

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Albania

Vacanze in Albania

Alla scoperta dell’Albania: consigli di viaggio, dove andare e cosa vedere L’Albania per diversi anni rimasta in ombra e poco considerata tra le mete da visitare per un viaggio, negli ultimi tempi si è invece trasformata in una meta must-have. Infatti, l’Albania ha davvero tantissimi luoghi unici da visitare, dalla bellezza delle sue coste e

Vacanze in Grecia

Vacanze in Grecia

Viaggio nella Grecia, culla della civiltà occidentale La sua civiltà ci ha sempre affascinato da quando, da ragazzini, l’abbiamo iniziata a studiare sui libri di storia. Oggi, la Grecia, continua ad essere al centro dei nostri interessi per motivi certamente legati alla ricerca delle nostre origini ma non solo. L’esperienza ellenica, infatti, ben si presta

Museo della 500

Il museo della 500

Il museo della 500: un luogo assolutamente da visitare Se sei in possesso di una Fiat 500, se ne vai orgoglioso, se pensi che questa sia una delle macchine più belle che la Fiat abbia mai messo in commercio, non possiamo che consigliarti di prestare una grande attenzione alla sua cura. Basta così poco infatti

Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

SALENTO

Salento, il tacco che fa più bella l’Italia

Non passerà mai di moda il tacco. La sua funzione è estetica, abbellire aumentando la statura e dando slancio al polpaccio. Questo principio non vale solo nell’abbigliamento e solo per le donne. Anche nel calcio il colpo di tacco è considerato una delle soluzioni più spettacolari che ci siano, sono in pochi i giocatori a