Malaysia

Malesia , Consigliami dove andare e cosa fare

La Malesia , regione a sud est asiatico , dove ogni anno affluiscono migliaia di turisti grazie alle sue famose spiagge . Regione multietnica che racchiude la cultura di vari popoli . Incrocio di razze tra malesi , cinesi , indiani e europei  che convivono pacificamente organizzando durante tutto l’anno feste religiose . Le più famose sono L’Hari Raya ( mussulmana ) il Taipusam  ( induista ) , il Capodanno cinese e il Natale cristiano . Da nominare la famosa Festa della Luce  , che si svolge durante il Deepavali , è una festa indù dove i fedeli appendono , in ogni dove, lucerne ad olio a simboleggiare la vittoria del bene sul male . Kuala Lumpur è la capitale , città ricca di edifici coloniali . Il paese e governato da una monarchia elettiva parlamentare , la lingua ufficiale è il malese anche se il cinese , l’inglese e l’indi sono lingue molto diffuse in tutto il continente . Per chi visita questo paese andrà sicuramente incontro ad una vacanza dalla forte atmosfera spirituale ( come nelle Batu Caves ) e dai luoghi incantevoli  come le spiagge caraibiche . In Malesia si può viaggiare molto bene con un budget basso , è possibile passare dalle grandi città attrezzate alle spiagge rilassanti e per i più avventurosi immergersi nella natura vergine della giungla .

1. Kuala Lumpur

Kuala Lumpur (shot in Nov-2015, re-edit in Dec-2018)

Kuala Lumpur , capitale malese , città piena di sorprese con i suoi mercati di strada e relativi street food , i suoi centri commerciali di lusso , i suoi edifici futuristici ed i suoi parchi e skybar con viste mozzafiato della città . Come prima cosa da non perdere sono le Torri Gemelle le Petronas Twin Towers , alte ben 452 metri e rappresentano il progresso del paese . Da non perdere la passeggiata sospesa sul ponte che unisce le due torri dalla quale è possibile ammirare la città . Come non visitare il  Batu Caves ( caverne di Batu ) che rappresentano uno dei maggiori santuari indù della Malesia . Esse si trovano a circa 10 km dal centro urbano ,facilmente riconoscibile grazie alla sua gigantesca statua color oro di Batu . Altra cosa da non perdere è il palazzo reale Istana Negara residenza del capo di stato della Malesia . Aperto nel 2012 si trova nella zona nord della città , tappa fissa dei tour cittadini . Grande polmone di verde della città è rappresentato dal giardino botanico  , i giardini del lago di Kuala Lumpur , 92 ettari di verde a pochi passi dal centro . Come in tutte le grandi città si trovano quartieri abitati e ghettizzati da culture di altre culture, come Petaling Street la Chinatown e little India  .  La prima è una strada  caratterizzata da negozi di ogni genere  di stile orientale , la seconda e una zona dedicata principalmente alla cucina indiana e alla spiritualità . Infine recandoci alla Bukit Bintang troviamo un quartiere dedicato principalmente allo shopping cittadino con negozi di lusso , caffè e boutique  .

Posizione: Kuala Lumpur 
Durata: 1 / 2 giorni

2. MALACCA

Malacca River Sunset 黃昏的馬六甲河 _DSC9114

Situata a sud della capitale  Malacca città malese che nel 2008 dall’UNESCO è stata dichiarata patrimoni dell’umanità , grazie alla suo retaggio storico ,  di ben 500 anni , come città multietnica e coloniale , tappa obbligatoria per chi volesse visitare il le terre della Malesia .  L’intera città mostra una conformazione architettonica molto varia , con stili , forme e colori che testimoniano i secoli di svariate colonizzazioni . Come il palazzo del sultano , inaugurato nel 1984 , è riproduzione fedele dello storico palazzo dell’epoca del Sultano. Facilmente individuabile , nel cuore della città , con la sua struttura lignea . Il tetto in legno appoggiato su pareti lignee perfettamente incastrate senza l’utilizzo di alcun chiodo . Oggi ospita il museo della cultura aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00 . A neanche cento metri dal palazzo troviamo un  palazzo proveniente dalla colonizzazione portoghese cioè lavamposto Portoghese A Famosa . Esse rappresentano le più antiche rovine europee in Asia . Una vecchia fortezza portoghese che permetteva l’accesso nelle mura cittadine . E’ possibile visitare la città tramite una crociera sul fiume Malacca che attraversa l’intera città . L’intera urbs è  ben attrezzata per accogliere i turisti grazie ad i suoi resort di lusso .

Posizione: Malacca 
Durata: 1/2 giorni

3. L’isola di Penang 

... view from Phra Nang

L’isola di Penang è soprannominata la Perla d’Oriente . Trovandosi vicino all’equatore ha un clima caldo-umido . Località per lo più soleggia per tutto l’anno tranne nei periodi monsonici cioè da agosto a ottobre , quando ci sono per l’appunto le torrenziali piogge monsoniche . Isola dalle mille caratteristiche ,  con il suo fascino che si fonde tra architetture orientali ed occidentali , con i suoi edifici di epoca coloniale e i suoi moderni palazzi con le sue antiche tradizioni . Isola famosa anche a livello gastronomico , dove è possibile assaggiare piatti asiatici fusion dai sapori unici in quanto nel Sud-Est asiatico è al primo posto per la cucina . Sicuramente bisogna dire che l’isola , pur essendo tropicale , non è come nell’immaginario collettivo , con spiagge bianche , palme etc.  Il mare , appartenendo a una grande metropoli urbanizzata , non è limpido ed non è adatto a praticare snorkeling quindi si consigli di fare una vacanza gastronomica-culturale . Sull’isola la città più importante e capoluogo è Georgetown il secondo porto per importanza della Malesia . Altre città di meno importanza sono Butterworth e Perai . L’sola ha subito varie colonizzazioni già dal 1785 era colonia Britannica con la compagnia delle  Indie orientali .

Posizione: Penang 
Durata: 2/3 giorni

4. George Town

P70112-092533

Georgetown, capoluogo dell’isolo di Panang , riconosciuta patrimonio mondiale dell’Unesco grazie ad i suoi edifici storici ben conservati . La città è raggiungibile dalla costa con il traghetto da Butterworth , La città è uno dei luoghi con più fascino e atmosfera di tutta la Malesia,  tra i palazzi colorati ,animati dalla street art , si trovano i templi , le antiche case cinesi subendo la rilassante musica di Little India in sottofondo. E’ possibile ammirare il fascino dei negozi tipici cinesi i Trishaw e i templi con i loro fumi profumati che avvolgono la città . Come non mancare di passare per Penang Road la Chulia Street dove ci sono i migliori negozi di antiquariato e il grande centro commerciale Gurney Plaza dove poter fare acquisti a prezzi modici . ( ATTENZIONE prima di comprare un’oggetto di antiquariato bisogna capire bene se e realmente autentico o se una riproduzione , se dovesse essere autentico ci vuole un documento di esportazione ) . Famosi sono gli oggetti di produzione ceramica con la famosa porcellana Nyonya . Da visitare sul lungomare la Queen Victoria Memorial Clock Tower , una torre dell’orologio ci color bianco altra 60 piedi  ,uno per ogni anno coloniale della regina inglese a partire dal 1897 . Da non perdere i tribunali dell’isola  Penang High Court Georgetown del 1809 , la Convent Light Street School ( antica residenza del governatore ) , The Cathedral of the Assumption e la San George Anglican Church del 1818 ( una delle più antiche ) . Da ammirare anche la famosa Street Art inaugurata nel 2012 , partita da un’artista lituano Ernest Zacharevic , e che tutt’oggi continua a perpetuarsi tramite pitture murali su edifici storici .

 

5. Langkawi

Langkawi

Langkawi si trova al confine con la Thailandia , è un arcipelago formato da 99 isole la cui isola più grande è per l’appunto l’isola di Langkawi  . Luogo turistico dalle mille attrazioni . Quest’isola non è una meta molto frequentata dagli italiani ma al livello europeo attrae molti turisti , grazie alle escursioni e alle sue lunghe spiagge di sabbia bianca con un mare caraibico . Vi sono molte cose da fare , come la bellissima salita in funivia , sul monte più alto dell’isola dove a 700 metri d’altezza si trova il ponte sospeso sopra la foresta pluviale lo Sky Bridge . Altra cosa da non perdere è la bellissima visita , in barca , dei canali del Kilim Geoforest Park , un parco dalla fauna variegata con le sue scimmie ,coccodrilli, aquile e la sua splendida vegetazione ricca di mangrovie . Essendo un arcipelago di isole maggiori e minori è possibile visitare anche altre isolette , come le isole di Beras Basah e di Pulau Bayang Bunting con il suo lago di acqua dolce .
Posizione: Langkawi
Durata: 1 settimana
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

6. Isole Perhrntian 

Tioman

Le isole Perhentian  è un gruppo di isole poste a nord delle coste della Malesia nello stato di Teremgganu  attaccate al confine con la Thailandia . Arcipelago composto di molte isolette , tra le quali parecchie disabitate , le isole maggiori sono Perhentian Besar e Perhentian Kecil poi troviamo le piccole isole di di Susu Dara, Serenggeh e Rawa . In questo arcipelago è famoso  Parco Nazionale Marino di Redang , un’area protetta dove è vietata la pesca e la raccolta dei coralli . Il nome delle isole significa Luogo di sosta , quale tappa per i mercanti del mare tra la vicina Thailandia e la Malesia . Qui le barche sostavano , in tappe abbastanza lunghe , prime di affrontare il viaggio per la terra ferma . Durante il periodo coloniale britannico venivano chiamate Station Islands . Dal punto di vista turistico sono un vero e proprio paradiso terrestre , con le sue spiagge di sabbia corallina , con acqua limpida e cristallina dove è possibile ammirare i bellissimi coralli, le affascinati tartarughe marine ( sito importante per la nidificazione delle tartarughe marine verdi)   e i piccoli squali . Le acque sono quasi tutte basse ed rappresentano una delle mete preferite per praticare  snorkeling e diving. A centro metri sul livello del mare troviamo il punto più alto dell’isola , dove è possibile ammirare la vegetazione tropicale , raggiungibile solo tramite i pochi sentieri percorribili .  Le isole accolgono i turisti durante tutto l’anno ( tranne nel periodo monsonico che le strutture sono chiuse ) , i villaggi principali sono principalmente di pescatori con un totale di 1500 abitanti malaysiani , solo nel periodo turistico si animano di persone,  tra il personale delle strutture turistiche e turisti .
Posizione: Isole Perhentian
Durata: 1 settimana
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

7. Ipoh

Senza titolo

Ipoh nello stato di Perak famosa per gli incredibili paesaggi, templi e architetture coloniali ed è la seconda capitale alimentare della Malesia . Situata a circa 160 chilometri a sud dell’isola di Penang e a 200 chilometri a nord di Kuala Lumpur . La città di origine coloniale ,  dovuta allo sfruttamento ( da parte degli inglesi ) delle sue importanti miniere . E’ possibile godere degli affascinanti edifici coloniali , della stazione ferroviaria,  la torre dell’orologio di betulla, il municipio di Ipoh e l’Old Post Office.  Nel 2017 lo stato di Perak ha investito molto sul turismo , dandogli una notevole spinta ,  con grandi investimenti nelle infrastrutture turistiche. Quella che una volta era una città poco conosciuta nel centro della Malesia , oggi offre passeggiate culturali , ben fornita di ristoranti immersi tra gli edifici coloniali , così  che la città ha assunto la conformazione di città turistica .   Uno dei principali motivi per visitare Ipoh è quello di visitare  i templi rupestri di questa regione , dove i buddisti cinesi ,  all’interno delle scogliere calcaree  hanno trovato lo spazio cavernoso per edificare i loro templi . Consigliata la visita a Perak Tong , Sam Poh Tong e Kek Lok Tong. Questi templi esternamente assomigliano a qualsiasi altro tempio buddista, ma all’interno emanano  un’atmosfera mistica con le statue di bronzo e le decorazioni religiose , il tutto circondate da stalagmiti e le stalattiti. Degna di nota la visita agli eccentrici  musei della città , tra i cui vi è  uno  dedicato interamente al famoso produttore cinematografico malese Yasmin Ahman,  un altro utilizza statuette cinesi in miniatura per rappresentare scene dell’antica  Cina . Vale la pena visitare anche il Museo geologico, uno dei più completi in Malesia.

Posizione: Ipoh
Durata: 5 giorni
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

 

8. Taman Negara 

Taman Negara, Malaysia

Il parco chiamato in malese Taman Negara con il significato di Parco Nazionale  , è collocato al centro di tre stati Pahang, Kelantan ed il Terengganu . Il più grande parco con i suoi 4343 Km quadrati ed il più vecchio del pianeta . La conservazione del parco ha origini antiche , fin dalle colonie inglesi ( si chiamava King George V ) nel 1938  . Facente parte di tre stati esso e soggetto a 3 amministrazioni ed e ripartito in tre sottoparchi il Taman Negara Pahang il Taman Negara Kelantan e il Taman Negara Terengganu . Parco tropicale caratterizzato da una grande biodiversità faunistica posizionato al 12° posto nella classifica mondiale .  Ha ben 14000 piante diverse , 200 specie di mammiferi , 350 specie di uccelli e 100 specie di rettili . Per visitare il parco Bisogna essere sempre accompagnati da guide autorizzate in quanto in esso vivono anche tribù aborigene . Comunque è possibile fare  attività di trekking, birdwatching, o prendere canoe per navigare all’interno dei fiumi del Taman Negara .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in Inglese
Orari di apertura: ingresso su prenotazione , escursioni dai 100 euro ai 300 euro
Posizione: Taman Negara
Durata: dipende dall’attività svolta 

9.  Cosa mangiare

ikan bakar

La cucina malese è caratterizzata dai piatti dai sapori più svariati ma che come base hanno quasi tutti il riso , alimento principale della loro cucina. Una delle portate tipiche è l’ikan bakar dove un pesce arricchito da una marinatura speziata viene cotto sulla grigli accompagnato ( come la maggior parte dei piatti ) da riso al vapore con salsa di soia dolce .  Il prezzo medio a portata può variare dai 2 ai 10 euro . Altro piatto tipico è  il nasi goreng cioè riso fritto con gamberi uovo e condito con una salsa piccante composta da chili ,scalogno e soia dolce . Prezzo medio a portata di 3 euro ,consigliato sia a pranzo che a cena .  Un dessert particolare  è l’esotico gelato Cendol , fatto con frutta fresca, latte di cocco, pasta di fagioli verdi . il prezzo medio a portata è di 2 euro e va degustato come dolce .  Infine se volete fare una colazione diversa vi consiglierei la l’Appam  , un impasto simile al pancake ma preparato con latte di cocco , riso e zucchero di canna . Il prezzo medio a portata è 4 euro.

Curiosità da sapere

Sicuramente di curiosità ce ne sono tante visto la grande varietà di culture e religioni del posto come ad esempio le grandi catene come Mc Donald’s e Hard Rock Caffè che preparano promozioni e menù in occasione del ramadan ( ovviamente per chi pratica la religione islamica ) . Cosa importante è il clima malese che essendo molto umido e caldo è consigliato portare abiti leggeri in fibre naturali ( come il cotone ) , scarpe da  trekking per le escursioni più impegnative ( ma non da dimenticare un comodo infradito )  e l’attrezzatura per lo snorkeling . Altra cosa da sapere è attenzione a prendere i taxi , in quanto non portano il tassametro e sono capaci di chiedervi prezzi astronomici per piccoli tragitti ( concordate sempre prima il prezzo )  .Da sapere che quando troverete scritto sul menù la parola bacon, non si tratta del bacon di maiale ma  di pollo, manzo o tacchino, questo perché negli hotels malesiani non è consentito servire maiale e suoi derivati per via della religione musulmana.

 

 

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Albania

Vacanze in Albania

Alla scoperta dell’Albania: consigli di viaggio, dove andare e cosa vedere L’Albania per diversi anni rimasta in ombra e poco considerata tra le mete da visitare per un viaggio, negli ultimi tempi si è invece trasformata in una meta must-have. Infatti, l’Albania ha davvero tantissimi luoghi unici da visitare, dalla bellezza delle sue coste e

Vacanze in Grecia

Vacanze in Grecia

Viaggio nella Grecia, culla della civiltà occidentale La sua civiltà ci ha sempre affascinato da quando, da ragazzini, l’abbiamo iniziata a studiare sui libri di storia. Oggi, la Grecia, continua ad essere al centro dei nostri interessi per motivi certamente legati alla ricerca delle nostre origini ma non solo. L’esperienza ellenica, infatti, ben si presta

Museo della 500

Il museo della 500

Il museo della 500: un luogo assolutamente da visitare Se sei in possesso di una Fiat 500, se ne vai orgoglioso, se pensi che questa sia una delle macchine più belle che la Fiat abbia mai messo in commercio, non possiamo che consigliarti di prestare una grande attenzione alla sua cura. Basta così poco infatti

Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

SALENTO

Salento, il tacco che fa più bella l’Italia

Non passerà mai di moda il tacco. La sua funzione è estetica, abbellire aumentando la statura e dando slancio al polpaccio. Questo principio non vale solo nell’abbigliamento e solo per le donne. Anche nel calcio il colpo di tacco è considerato una delle soluzioni più spettacolari che ci siano, sono in pochi i giocatori a