Palermo

Palermo

Palermo  capoluogo siciliano , città dalle mille facce . Dominata dai Fenici , Greci , Romani e arabi , dalle quali ha assorbito la loro culture rendendole parte della città con le diverse architetture e i diversi stili di vita . Tutto questo la rende una città unica con mille attrattive con un immenso patrimonio artistico culturale ,  alle quali ci dovremo ridurre a nominarvi le più famose a nostro malgrado . Nella città troveremo chiese dal fascino arabeggiante , chiese di uno raffinato stile barocco , teatri neoclassici e palazzi liberty . Non mancano gli spazzi verdi con stile settecentesco ed i famosissimi mercati con prodotti alimentari unici ed introvabili . Palermo grande metropoli che affascina , oggi si sta rivalutando e diviene meta turistica di alto pregio , la città è in pieno fermento si adatta alle esigenze del turista ma non abbandona la sua immensa cultura che l’ha guidata fino ai giorni d’oggi come città unica  .

 

1. Cattedrale di Palermo

Cattedrale di Palermo

La Cattedrale , simbolo religioso della città , edificata nel 1185 e consacrata alla Vergine Assunta . Come nella maggior parte delle chiese italiane , sorge su una precedente basilica cristiana del 604 d. C.  e poi divenuta moschea nel 831 d C. grazie alla dominazione saracena . La cattedrale mostra svariati stili architettonici , dove la facciata con un ampio portico del’400  , mostra uno stile gotico catalano. L’abside , la parte più vecchia della chiesa , è di stile arabo normanno e  la  cupola tardo barocca . Nel XIV secolo furono elevate le 4 torri campanarie e nel XIX secolo Ferdinando Fuga progettò l’interno , in stile neoclassico con tre navate divise internamente da pilastri con statue dei diversi santi appartenuti alle decorazione della tribuna di Gagini . La cattedrale ospita anche le tombe degli imperiali e reali come : Enrico VI , Federico II e l’imperatrice Costanza la quale fu seppellita con la corona reale , custodita insieme ai vari reperti trovati nelle diverse tombe ,  nella stanza del tesoro visitabili all’interno della cattedrale stessa  . Nel 2015 è entrata a far parte del Patrimoni Unesco  nell’itinerario arabo-normanno di Palermo .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in Italiano
Orari di apertura: dal lunedì al sabato 09:00-14:00  , la Domenica: dalle ore 09:00 alle 13:00 . Ingresso GRATUITO  , biglietto per salire sul camminamento di copertura 2 euro .
Posizione: Cattedrale di Palermo
Durata: 1/2 ore
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 5 su 5 punti

2. Palazzo dei Normanni

Palermo - Cappella Palatina (particolare)

Palazzo dei Normanni  , chiamato anche  Palazzo Reale  , nato come fortificazione eretta dagli arabi nel IX secolo e poi divenuta centro di potere dei Normanni dopo la loro conquista . Divenne una reggia sontuosa ricca di affreschi e mosaici , dove l’opera più importante è la Cappella palatina . L’interno è tutto decorato con mosaici bizantini che si arrampicano in ogni dove . Palazzo prima divenuto dimora ufficiale dei reali e dopo nel XVI secolo dimora dei viceré Spagnoli . Durante la dominazione spagnola , il palazzo subi l’abbattimento delle torri normanne e li furono costruiti due cortili interni  , delle sale di rappresentanza . Rimase un’unica torre normanna chiamata torre Pisana . Fra le sale di pregio troviamo la Sala d’Ercole  , dove sono raffigurate le 12 fatiche di Ercole realizzate da Velasquez. Per chi approda a Palermo è assolutamente consigliato ad andare a vedere questo stupendo posto unico nel suo genere .

 

Maggiori informazioni: Sito ufficiale non reperito 
Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 8:15 alle 17:40 . la Domenica e festivi dalle 8:15 alle 13:00 . prezzo INGRESSO 12 € ridotto 10 €
Posizione: Palazzo dei Normanni
Durata: 1/2 ore
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

3. Palazzo dei Sentieri e Giardini Garibaldi

Palermo

Nella parte terminante di Corso Vittorio Emanuele  , verso il mare , troviamo una piazza stupenda che fa onore alla città ,  Piazza Mariana   . Qui vi è ubicato il Giardino Garibaldi con i suoi Ficus Magnolioides dall’enorme stazza , i cui fusto può raggiungere un’altezza di 60 metri , che ricoprono l’intero giardino . Intorno alla piazza troviamo numerosi palazzi storici come palazzo Mirto ,  palazzo Abatelluis ,  palazzo Galletti e Palazzo Chiaramonte Steri sede del rettorato universitario e sede del Museo dell’Inquisizione Spagnola . Al suo interno troveremo le varie celle dove furono incarcerati i prigionieri prima di essere processati e giustiziati . Interessanti sono le  testimonianze scritte e disegnate con il sangue dai detenuti sulle pareti delle celle .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in Italiano
Orari di apertura: Aperta liberamente al pubblico .  Palazzo Steri da Martedì a Sabato dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30 INGRESSO  €5,00 con guida .
Posizione: Piazza Marina
Durata: 1 ora
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

4. Chiesa della Martorana

Palermo- La Martorana e San Cataldo

Santa Maria dell’Ammiraglio detta anche della Martorana  perché il re Alfonso d’Aragona la cedette all’adiacente monastero benedettino fondato alcuni secoli prima da Eloisa Martorana . L’ adiacente alla chiesa di San Cataldo distinguibile grazie alle sue famose cupole rosse . Edificata nel 1433 , originariamente in stile Arabo-normanno , con splendidi mosaici, spicca su tutti al centro della cupola, il “Cristo Pantocratore“, con tessere dorate , circondato da arcangeli , apostoli ,profeti e santi .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale non reperito
Orari di apertura: Aperta dalle 9:30 alle 13 :00 e dalle 15:30 alle 19:00 Ingresso 2.50€
Posizione: Chiesa della Martorana
Durata: 1 ora
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti


5. La Fontana Pretoria

Fontana Pretoria

La fontana posta in Piazza Pretoria fu realizzata dallo scultore Camilliani nel XVI secolo per una villa fiorentina di Don Pietro di Toledo , ma in seguito acquistata dal comune di Palermo che nel 1581 la mostrò al popolo palermitano nel suo lussuoso stile rinascimentale . La piazza era di enorme importanza per la città , era ed è circondata da splendidi palazzi e chiese come palazzo Pretorio ( sede del comune di Palermo ) e la chiesa di santa Caterina .  La fontana a forma ellittica ha un suggestivo gioco d’acqua , con più vasche , tre concentriche e una moltitudine di piccole e medie poste intorno al perimetro . La Fontana riporta 4 scalinare , con statue lungo la rampa raffiguranti divinità pagane ( come Dio Apollo , Venere ,  Bacco, Diana ,Adone , Ercole etc.. ) . I palermitani ribattezzarono la fontana  come la ” Fontana della Vergogna ”  a causa delle nudità delle statue . Oggi la fontana ha subito un lungo restauro che l’ha riportata agli antichi splendori del rinascimento in cui il Vasari la definì ” stupendissima fonte ” .

Orari di apertura: Aperta liberamente al pubblico
Posizione: Fontana Pretoria 
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

6. Le Catacombe

_DSC3119

Le catacombe rappresentano il cimitero sotterraneo del convento dei Cappuccini , dove venivano riposte le spoglie dei frati , che grazie alla particolari condizioni micro climatiche e al procedimento di perdita dei liquidi corporei  , venivano essenzialmente mummificati . Infatti molte salme risultano essere pressoché intatte , con capelli e volti riconoscibili .  Sono conservati ,  in totale , circa ottomila corpi che vanno dal XVII secolo fino al XIX secolo . Meta apprezzata dai visitatori della città , incuriositi per il fascino macabro del luogo dove che rappresenta un’importante testimonianza della tradizione  religiosa palermitana .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in italiano
Orari di apertura: Aperta dalle 9:00 alle 19:00 Ingesso 3 euro
Posizione: Catacombe dei cappuccini 
Durata: 1 ora
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4 su 5 punti

7. Castello della Zisa

PALERMO - La Zisa

Poco fuori dal centro cittadino sorge questo incantevole luogo , Il castello della Zisa . Costruito nel 1165 come residenza estiva della famiglia reale voluta da Guglielmo I  . Il  nome del palazzo deriva dall’arabo Aziz che significa splendido . Esternamente il palazzo è circondato da un ampio giardino con vasche che percorrono l’intera lunghezza del parco . Internamente il palazzo mostra le sue architetture arabe , con archi ,  cupole  , feritoie e vasche  studiate per mantene il fresco durante i mesi estivi . Al piano terra vi sono colonne e affreschi , da quest’ultimi nasce una leggenda , la leggenda palermitana dei diavoli della Zisa  .  Dal 2015 è patrimonio UNESCO

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in Italiano
Orari di apertura: Aperto dal Lunedì al saboto dalle 9:00 alle 18:30 Domenica dalle 9:00 alle 13:30 ,  Tour notturno dalle 19:30 alle 24:00 .  INGRESSO 6€ intero 3€ ridotto
Posizione: Castello dell Zisa
Durata: 1 ora
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4.5 su 5 punti

8.  Museo Archeologico

PALERMO - Museo Archeologico Salinas

Museo di grande importanza sia per Palermo che per tutta la Sicilia . L’edificio in cui si trova è il vecchio collegio dei padri della Congregazione di San Filippo Neri . Al suo interno vi sono raccolti numerosissimi reperti della storia siciliana , dalla preistoria fino al medioevo . Tra i reperti dei Fenici , greci , romani  troviamo anche quelli Egizi ed Etruschi , insomma reperti di ogni grande civiltà del passato . Nel 2018 venne inaugurato il nuovo spazio ricavato nella terza corte del convento, denominato “agorà”, dove sono esposte le 17 gronde leonine del tempio di Himera e la grande maschera della Gorgone del tempio C di Selinunte . Da segnalare la famosa Pietra di Palermo . Questo museo è la dimostrazione dell’enorme patrimonio storico, artistico e culturale della Sicilia .

Maggiori informazioni: Sito ufficiale in Italiano
Orari di apertura: Aperto dal  martedì al sabato dalle 9:30 alle 18:30 la Domenica dalle 9:30 alle 13:30 . INGRESSO 4€ intero 2€ ridotto
Posizione:Museo Archeologico
Durata: 1/2 ore
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4 su 5 punti

9. Spiaggia di Mondello

Mondello

Posto consigliato per chi volesse godersi un buon bagno nei mesi estivi , fuori dal calore africano della bellissima città di Palermo . A Soli 11 Km dal centro della città troviamo una distesa di fine sabbia bianca , che parte dalle pendici del Monte Pellegrino ed arriva fino al delizioso paese di Mondello col suo piccolo porto ed i suoi ristoranti .  A metà della spiaggia si trova una stabilimento balneare chiamato “La Sirenetta” , una bellissima architettura dei primi del 900 .(  oggi oltre ad essere uno stabilimento balneare offre anche un raffinato ristorante sul mare ) . Nella zona circostante alla spiaggia troviamo numerose ville in stile liberty che rendono il tutto molto affascinate . Tutti gli stabilimenti balneari della zona , forniscono garantiscono numerosi servizi, oltre ad ombrelloni, lettini è possibile praticare vari sport acquatici.

Orari di apertura: Aperta liberamente al pubblico
Posizione: spiaggia  di Mondello 
Statistiche dei viaggiatori su TripAdvisor: media giudizio 4 su 5 punti

10. Mercati popolari

Mercato di Ballaro

Il più antico mercato di Palermo è quello di Ballarò . Un mercato di matrice araba , pieno di vita  ,colori ed odori delle diverse tipologie di cibo,  dove è possibile degustarlo grazie ai numerosi street food presenti nell’area  . Vi sono altri due mercati degni di nota , quelli del Capo che si trova alle spalle del teatro Massimo e quello di Borgo Vecchio situato vicino al porto ( aperto anche la notte ) . Per chi volesse addentrarsi nel fascino della vita palermitana questi posti sono assolutamente da visitare , ed in più è possibile acquistare souvenir ,  alimentari e non , a prezzi economici .

 

Cosa mangiare

arancini from heaven

La cucina palermitana ha un menù molto ampio che spazia dalla carne al pesce ai dolci , tutti ottimi piatti dai gusti raffinati . Possiamo affermare che la cucina palermitana rappresenta una vera e propria forma d’arte . Parleremo dei piatti più importanti della cucina palermitana ,  riconosciuti in tutto il mondo . Come non menzionare le famosissime Arancine ( da non confondere con gli arancini che sono di Catania ) , sono palle di riso fritte dai diversi ripieni . Le più tradizionali sono con la carne e ragù o al burro ( rosse e bianche)  , il prezzo medio è 2 euro a pezzzo . Piatto di tradizione popolare è la stigghiola , di derivazione della cucina greca . Si tratta di una budellina di agnello cotta sulla brace dopo essere stata avvolta su uno spiedino con prezzemolo . Il prezzo medio è di 4 euro a spiedino . Altra trazione culinarie che ha solcato gli oceani e il famosissimo cannolo , un dolce tipico di carnevale , inventato dalle suore di clausura . Il nome dato dalle suore al dolce deriva da una canna sulla quale veniva avvolto l’impasto. Composto da una cialda fritta farcita di ricotta con granella di pistacchio canditi e gocce di cioccolato . Il prezzo è di circa 1 euro a pezzo . Come non parlarvi della cassata , anch’esso un dolce di carnevale , di origini arabe . Nato quando gli arabi introdussero la canna da zucchero , limone, arancia amara, mandarino il cedro e la mandorla sull’isola . La cassata d’oggi porta il cioccolato ed il pan di spagna introdotti dagli spagnoli durante la loro dominazione . Questa manipolazione ed evoluzione dei piatti ci fa capire come la cultura di un popolo si misura anche dalla  memoria culinaria di tale popolo .

Curiosità da sapere

Da sapere che se vi trovate in via Alloro sul fianco della chiesa di Santa Maria degli Angeli, si trova una buca , detta la Gancia. Buca protagonista del risorgimento italiano ed è grazie a lei che i patrioti Filippo Patti e Gaspare Bivona riuscirono a mettersi in salvo dalle milizie borboniche . I due grazie ad essa , si rifugiarono in chiesa , e si finsero morti sotto alcuni cadaveri di “colleghi” patrioti uccisi durante i moti della rivolta antiborbonica del 1860. Da li scavarono  un buco e riuscirono ad uscire e scappare . Per molto tempo è stata un’usanza popolare quella di recarsi in pellegrinaggio dalla buca per ringraziamento. Altra curiosità è che sparsi per la città si trovano della statue raffiguranti un uomo di mezza età con barba e corona , chiamato dai palermitani Genio di Palermo. Un’entità soprannaturale a cui è stata affidata la tutela della città . Grande importanza viene data a questo personaggio nella cultura popolare, che ha la funzione di proteggere Palermo . Un legenda dalle sfumature rosa , narra che il nome dato alla fontana della vergogna derivi dalla Regina Giovanna D’Angiò che, a quanto pare, aveva un forte appetito sessuale . Troverete una statua di una donna abbandonata voluttuosamente adiacente ad un cavallo, nei secoli in questa statua è stata rivista la stessa regina che, a quanto pare, aveva una tresca con il cavallo vicino, da qui il nome della fontana .

 

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Albania

Vacanze in Albania

Alla scoperta dell’Albania: consigli di viaggio, dove andare e cosa vedere L’Albania per diversi anni rimasta in ombra e poco considerata tra le mete da visitare per un viaggio, negli ultimi tempi si è invece trasformata in una meta must-have. Infatti, l’Albania ha davvero tantissimi luoghi unici da visitare, dalla bellezza delle sue coste e

Vacanze in Grecia

Vacanze in Grecia

Viaggio nella Grecia, culla della civiltà occidentale La sua civiltà ci ha sempre affascinato da quando, da ragazzini, l’abbiamo iniziata a studiare sui libri di storia. Oggi, la Grecia, continua ad essere al centro dei nostri interessi per motivi certamente legati alla ricerca delle nostre origini ma non solo. L’esperienza ellenica, infatti, ben si presta

Museo della 500

Il museo della 500

Il museo della 500: un luogo assolutamente da visitare Se sei in possesso di una Fiat 500, se ne vai orgoglioso, se pensi che questa sia una delle macchine più belle che la Fiat abbia mai messo in commercio, non possiamo che consigliarti di prestare una grande attenzione alla sua cura. Basta così poco infatti

Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

SALENTO

Salento, il tacco che fa più bella l’Italia

Non passerà mai di moda il tacco. La sua funzione è estetica, abbellire aumentando la statura e dando slancio al polpaccio. Questo principio non vale solo nell’abbigliamento e solo per le donne. Anche nel calcio il colpo di tacco è considerato una delle soluzioni più spettacolari che ci siano, sono in pochi i giocatori a