Pinzolo

Pinzolo

Pinzolo: guida completa del piccolo borgo del Trentino Alto Adige

A nord della Val Rendena troviamo un paesino di poco più di 3000 abitanti che è Pinzolo. È strutturato su una pianura tra il Gruppo del Brenta e quello di Adamello ed è il più grande centro di tutta la valle. I suoi impianti sciistici sono tra i più estesi di tutte le Alpi grazie alla sua nuova cabinovia che collega Pinzolo con Folgarida – Marilleva e la rinomatissima Madonna di Campiglio. L’impianto comprende circa 150 chilometri di piste con 1100 metri di dislivello, quattro stazioni di arrivo e partenza, due di interscambio, e delle strutture super attrezzate per gli amanti dello snowboard.

Ma Pinzolo è un’ottima scelta anche per le vostre vacanze estive grazie ai numerosi campi da basket, calcio, minigolf, piscina, tiro con l’arco, tennis, pallavolo, bocce, golf e beach volley, nonché tantissimi percorsi naturalistici in cui praticare trekking, parapendio e mountain bike.

Al di là dei tanti servizi offerti, basterà alzare gli occhi e guardarsi intorno per rendersi conto di essere all’interno di un paradiso che fa parte del Parco naturale Adamello – Brenta, una vastissima riserva protetta del Trentino di oltre 620 chilometri quadrati (la più grande della regione) che va dalla Valle di Non alla Valle del Sole e le Giudicarie, attraversando le Dolomiti del Brenta e le catene montuose dell’Adamello – Presanella.

La storia di Pinzolo

Le origini di Pinzolo sono antichissime, almeno prima dell’anno Mille come si può vedere dalla chiesa di San Virgilio, ristrutturata poi nel 1515. All’inizio del ‘900, il parco viene promosso come Parco Nazionale Adamello-Brenta che era incluso nel progetto della tutela di alcune specie di animali tra cui l’orso bruno.

Nel corso degli anni, Pinzolo pian piano si trasforma in una meta turistica, soprattutto quando alla fine del 1800, sorgono i primi hotel che permettevano agli scalatori provenienti in particolare dalla Germania e dall’Inghilterra. Il vero boom turistico si ha negli anni della dolce vita, ovvero nel 1960, quando vengono realizzate delle strutture turistiche per le stagioni estive, come i campi da calcio, i parchi e i campi da tennis e poi con la realizzazione dei primi impianti di risalita. Nel corso degli anni, gli ammodernamenti sono tali che incoronano Pinzano come una delle mete più ambite dai turisti per tutte le stagioni dell’anno grazie al grande numero di hotel con piscina e centro benessere,  bed and breakfast, residence e agriturismi per ogni tipo di esigenza, sia se venite in compagnia della vostra famiglia o dei vostri bambini, sia da soli o con i vostri amici con i quali dedicarvi agli innumerevoli percorsi d’avventura e naturalistici.

Cose da fare e cose da vedere a Pinzolo

Centro storico di Pinzolo

Centro storico di Pinzolo
Centro storico di Pinzolo

La chiesa di San Vigilio a Pinzolo

La chiesa di San Vigilio a Pinzolo (vedi posizione su mappa) è un’antica chiesa che si trova nel piccolo paese di Pinzolo, precisamente a Sorano. La chiesa fu fondata nel 1362 e ampliata successivamente. Essa si presenta con una pianta rettangolare a tre navate e con archi e colonne realizzate in granito. Al suo interno troviamo meravigliosi affreschi come “La Danza Macabra” realizzata da Simone Baschenis. La tematica della Danza Macabra, non è italiano, ma è di provenienza nordica ed è molto diffuso in Francia. Si tratta di un affresco lungo 21 metri che contiene oltre 40 personaggi tra cui è possibile notare il Pontefice, il Cardinale, il vescovo, il sacerdote, il re, l’imperatore, la regine e tanti altri. Al di sotto della Danza Macabra troviamo le rappresentazioni dei Peccato Morali. A raffigurare i peccati mortali sono gli animali come:

  • Il leone che rappresenta la superbia
  • Il rospo che rappresenta l’avarizia
  • Il becco che rappresenta la lussuria
  • Il gatto che rappresenta l’ira
  • Il nibbio che rappresenta l’invidia
  • L’ asino che rappresenta l’accidia.

All’ interno della chiesa inoltre troviamo un altare in legno di San Rocco e altri affreschi.

Passeggiata a Pinzolo

In estate potrete passeggiare lungo le strette e caratteristiche stradine di Pinzolo. Troverete magazzini, negozi e botteghe tipiche.

Cascate nei dintorni di Pinzolo

Cascate nei dintorni di Pinzolo
Cascate nei dintorni di Pinzolo

Cascate della Val Genova e cascata di Nardis

Una delle principali attrazioni da vedere a Pinzolo sono le meravigliose cascate della Val Genova. Per giungere a queste cascate bisogna passare per la cascata di Nardis (vedi posizione su mappa) e poi continuare lungo la valle ammirando i diversi torrenti. Nel periodo estivo è possibile spostarsi lungo la valle con le navette.

Cascata del Mansel

La cascata del Mansel è un’altra meravigliosa cascata che si trova nei pressi di Pinzolo. Può essere raggiunta  a piedi da Pinzolo in circa un’ora di passeggiata. Merita assolutamente di essere visitata.

Escursioni nei dintorni di Pinzolo

Escursioni nei dintorni di Pinzolo
Escursioni nei dintorni di Pinzolo

Escursione al Rifugio XII Apostoli

Una delle escursioni più difficili ed impegnative di questa località è quella che vi farà arrivare al Rifugio XII Apostoli (vedi posizione su mappa) all’altezza di ben 2500 metri. Per giungere a questo rifugio si parte da Doss del Sabion e si scende fino al passo Bregn da l’Ors.

Escursione del giro dei cinque laghi

Una delle escursioni più belle è il giro dei cinque laghi . Quest’escursioni parte da Madonna di Campiglio. Con una telecabina si arriva fino al rifugio 5 laghi dove è possibile ammirare il lago Ritort o Lago Ritorto (vedi posizione su mappa), il lago Serodoli (vedi posizione su mappa), il lago Gelato (vedi posizione su mappa), il lago Alto (vedi posizione su mappa) e lago delle Malghette (vedi posizione su mappa). Questa è sicuramente una delle escursioni più emozionanti che si possono fare in questa località. Il sentiero è molto lungo e quindi è necessario avere un’adeguata preparazione fisica. Lungo il sentiero vi sono anche punti di ristoro .

Dintorni di Pinzolo

Dintorni di Pinzolo
Dintorni di Pinzolo

Salire al Doss del Sabion

Uno dei punti più panoramici delle Dolomiti di Brenta è sicuramente il Doss del Sabion (vedi posizione su mappa). In inverno ospita una pista da sci costituita da circa 150 km di piste invece, in estate è possibile fare passeggiate meravigliose e ammirare panorami incredibili. Per giungere a Doss del Sabion è possibile prendere una telecabina che parte dal centro di Pinzolo.

Castel Stenico

A circa 25 km da Pinzolo troviamo Castel Stenico (vedi posizione su mappa), edificato nel 12 ° secolo. Nel 13 ° secolo divenne proprietà del principe vescovo di Trento che lo ampliò ed effettuo modifiche per farlo diventare una residenza vescovile.

Parco Naturale Adamello Brenta

Una visita che consigliamo di fare giunti a Pinzolo è quella di accedere al Parco Naturale Adamello Brenta (vedi posizione su mappa). Si tratta di una vasta area che si estende nel Trentino Alto Adige istituita nel 1967. All’ interno del parco vi sono una ricca flora e fauna. Gli animali carnivori che vivono in questo parco sono il lupo, la lince, la volpe, la martora, l’ermellino, la donnola e la faina. I roditori invece sono lo scoiattolo e la marmotta. Tra i rapaci ricordiamo l’aquila reale, l’astore, il falco pecchiaiolo, il gheppo e la poiana. Anche la flora è molto ricca , infatti, troviamo alberi di acero, nocciolo, orniello, salicone, abete rosso, larice, pino cembro. Il parco può essere visitato singolarmente oppure a gruppi guidati.

Maggiori informazioni: https://www.pnab.it/

Parco Nazionale dello Stelvio

Poco più distante dal Parco naturale Adamello Brenta troviamo il Parco Nazionale dello Stelvio (vedi posizione su mappa) noto anche come Nationalpark Stilfser Joch. Questo parco fu istituito nel 1935 ed è uno dei parchi italiani naturali più antichi. Questo parco fu istituito con lo scopo di tutelare la flora , la fauna e la bellezze paesaggistiche del Trentino Alto Adige e della Lombardia. Questo parco è molto esteso e comprende ben 24 comuni ed è collegato al Parco Nazionale Svizzero. Al suo interno possiamo trovare animali come il cervo, il capriolo, la marmotta, il camoscio, l’ermellino, la lepre, il tasso, la volpe ma anche il lupo, l’orso e la lince. La flora è ricca e variegata. Quindi troviamo l’ abete rosso e l’abete bianco ma anche il larice e il pino.

Maggiori informazioni: http://www.stelviopark.it/

Cosa mangiare a Pinzolo

Che sia d’estate o d’inverno, il Trentino Alto Adige è sempre una scelta giusta per le vostre vacanze.  Se vi dirigete verso Pinzolo, nella Val Rendena, dopo esservi dedicati alle attività da montagna come le lunghe camminate, escursioni, sciate (se siete lì durante l’inverno), vi verrà sicuramente un certo appetito: in questo articolo vi illustreremo alcuni dei piatti tipici di Pinzano che vi faranno venire l’acquolina in bocca.

Come primi piatti vi consigliamo i Canederli, delle polpette fatte con pane raffermo, uova e latte ripiene di lardo, pancetta, prezzemolo e rosmarino e serviti dentro il brodo; gli Gnoc di Urtighi, degli strangolapreti fatti di ricotta, sale e urtighi tritati; l’Orzetto, una specie di risotto fatto con l’orzo, carote, sedano, patate, speck, olio, grana del Trentino, cipolle e sedano. Se volete optare per una zuppa, l’ideale è la Panada, fatta con pane raffermo, grana, olio, pepe e sale, in Trentino viene utilizzata anche come un ottimo rimedio per l’influenza,

Come secondo piatto, di tipico c’è la Salsa Peverada con il Cotechino, un antico piatto medievale a base di pane raffermo grattugiato, cipolla, burro, sale, pepe nero e grana trentino, il tutto servito con una polenta fatta con la farina di Storo e il grano saraceno.

In fine, un dolce rustico, lo Zelten di Ricotta, una torta fatta con mandorle, uva sultanina, ricotta, arancia candita, nocciole, noci, pinoli, uova, burro e ricotta, sarà il top se l’accompagnerete con il Moscato Giallo, un vino DOC della provincia di Trento.

Come arrivare a Pinzolo

Come arrivare a Pinzolo
Come arrivare a Pinzolo

Pinzolo è un piccolo borgo di circa 3000 abitanti situato nel cuore del Trentino Alto Adige. Può essere raggiunto con un auto, con un autobus, con un treno e con l’aereo. Vediamo insieme come raggiungere Pinzolo con i diversi mezzi di trasporto.

Raggiungere Pinzolo con la propria auto

Chi parte da Milano deve percorrere l’ Autostrada A 4 che collega Milano a Venezia. Bisogna prendere l’uscita Brescia Est.

Chi parte da Modena deve percorrere l’ Autostrada A 22 che collega Modena – Brennero e prendere l’uscita Rovereto Sud, oppure l’uscita Trento Sud oppure ancora l’uscita S. Michele all’Adige.

Raggiungere Pinzolo con l’autobus

Numerosi sono gli autobus che partono ogni giorno dalle principali città italiane e raggiungono Verona, Bolzano, Venezia. Da queste città è possibile prendere taxi, noleggiare auto oppure prendere autobus che vi poteranno a Pinzolo.

Raggiungere Pinzolo con il treno

Il borgo di Pinzolo può essere raggiunto anche con un treno. Le stazioni ferroviarie più vicine sono la stazione ferroviaria di Trento (vedi posizione su mappa) che dista circa 73 km e la stazione ferroviaria di Brescia (vedi posizione su mappa) che dista circa 130 km. Dalla stazione di Trento è possibile raggiungere Pinzolo con un auto in circa 1 ora e 30 minuti, invece, dalla stazione di Brescia la durata del viaggio è di circa 2 ore e 30 minuti.

Raggiungere Pinzolo con l’ aereo

C’è chi preferisce viaggiare in modo comodo e veloce, in tale caso viaggia in aereo. Diversi sono gli aeroporti  che sono situati nei pressi di Pinzolo. Vediamo insieme quali sono i più vicini :

  • L’ Aeroporto Internazionale di Milano Linate (vedi posizione su mappa) che dista circa 220 km da Pinzolo. Dall’aeroporto di Milano Linate è possibile raggiungere Pinzolo in circa 3 ore e 20 minuti di auto.
  • L’ Aeroporto Internazionale di Milano Malpensa (vedi posizione su mappa ) che dista circa 220 km da Pinzolo. Dall’aeroporto di Milano Malpensa è possibile raggiungere Pinzolo in circa 3 ore e 30 minuti di auto.
  • L’ Aeroporto Internazionale V. Catullo di Verona (vedi posizione su mappa) che dista circa 150 kmda Pinzolo. Dall’ Aeroporto di Verona è possibile raggiungere Pinzolo in circa 3 ore di auto.
  • L’ Aeroporto Internazionale di Bergamo Orio al Serio (vedi posizione su mappa) che dista circa 160 km da Pinzolo. Dall’ Aeroporto di Bergamo è possibile raggiungere Pinzolo in circa 3 ore di auto.
  • L’ Aeroporto Internazionale di Brescia Montichiari (vedi posizione su mappa) che dista circa 130 km da Pinzolo. Dall’ aeroporto di Brescia è possibile raggiungere Pinzolo in circa 2 ore e 30 minuti di auto.
  • L’ Aeroporto Internazionale Marco Polo di Venezia (vedi posizione su mappa) che dista circa 25 km da Pinzolo. Dall’ Aeroporto di Venezia è possibile raggiungere Pinzolo in circa 3 ore e 30 minuti di auto.

Altra soluzione è quella di atterrate in uno degli aeroporti indicati e raggiungere Pinzolo con un treno oppure con un autobus pubblico.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Albania

Vacanze in Albania

Alla scoperta dell’Albania: consigli di viaggio, dove andare e cosa vedere L’Albania per diversi anni rimasta in ombra e poco considerata tra le mete da visitare per un viaggio, negli ultimi tempi si è invece trasformata in una meta must-have. Infatti, l’Albania ha davvero tantissimi luoghi unici da visitare, dalla bellezza delle sue coste e

Vacanze in Grecia

Vacanze in Grecia

Viaggio nella Grecia, culla della civiltà occidentale La sua civiltà ci ha sempre affascinato da quando, da ragazzini, l’abbiamo iniziata a studiare sui libri di storia. Oggi, la Grecia, continua ad essere al centro dei nostri interessi per motivi certamente legati alla ricerca delle nostre origini ma non solo. L’esperienza ellenica, infatti, ben si presta

Museo della 500

Il museo della 500

Il museo della 500: un luogo assolutamente da visitare Se sei in possesso di una Fiat 500, se ne vai orgoglioso, se pensi che questa sia una delle macchine più belle che la Fiat abbia mai messo in commercio, non possiamo che consigliarti di prestare una grande attenzione alla sua cura. Basta così poco infatti

Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

SALENTO

Salento, il tacco che fa più bella l’Italia

Non passerà mai di moda il tacco. La sua funzione è estetica, abbellire aumentando la statura e dando slancio al polpaccio. Questo principio non vale solo nell’abbigliamento e solo per le donne. Anche nel calcio il colpo di tacco è considerato una delle soluzioni più spettacolari che ci siano, sono in pochi i giocatori a