Sitges Spagna

Sitges, un gioiellino catalano

Località turistica tra le più apprezzate della costa catalana, Sitges Spagna rappresenta una destinazione ideale per passare l’estate in compagnia, tra bellezze artistiche e panorami naturali.
Città di poco meno di 30mila abitanti in grado di coniugare un’atmosfera tradizionale con una netta propensione verso la modernità, Sitges è conosciuta in tutta Europa per il clima gradevole e delicato, per le spiagge pulite e incontaminate e per le strade del centro vivaci e pittoresche, che contribuiscono a rendere la località spagnola un crocevia di culture e attrazioni.

Sitges spiagge

Affacciata sul mar Mediterraneo, a circa trentacinque chilometri a sud-ovest di Barcellona, Sitges dispone di spiagge fantastiche e numerose attrazioni per i turisti. A differenza delle spiagge di Barcellona Sitges vanta molteplici bandiere blu. Le 4 km di spiagge accoglienti sono perfette per chiunque: ci sono le spiagge adatte per famiglie, le spiagge più movimentate per i giovani e poi ci sono anche quelle per gay e nudisti. Durante i mesi estivi il clima mite e temperato invita a rimanere all’aperto a qualsiasi ora del giorno e della notte: merito della protezione garantita dalle montagne del Parco del Garraf.

Sitges Barcellona cosa fare

Situata a soli venticinque chilometri dall’Aeroporto Internazionale El Prat, la città può contare anche su quattro musei: i più importanti sono il Cau Ferrat, che ospita i dipinti di El Greco e le sculture in ferro di Santiago Rusinol, e il Marciel. Da non perdere, inoltre, per gli appassionati di storia e arte, il santuario di Vinyet e la chiesa Sant Bartomeue i Santa Tecla, conosciuta anche come “La Punta”: la posizione peculiare di questo edificio, in cima a un promontorio, permette di ammirare il panorama della costa mediterranea dall’alto. Costruita nel XVII secolo, essa rappresenta un affascinante esempio di stile barocco, mentre all’interno è possibile ammirare un organo risalente al 1690 e opere rinascimentali.

Ma Sitges non è solo arte: la località, infatti, è anche conosciuta come una delle destinazioni turistiche più gay-friendly dell’intera Spagna, con numerosi club dedicati.

Cosa mangiare a Sitges

A Sitges si possono assaporare i classici piatti della cucina catalana: le tapas tra le più conosciute di sempre, piatti di mare e montagna, l’arroz negro, etc..
Il piatto tipico è “Xato”, ed è un piatto di mare, preparato con merluzzo, tonno, acciughe, olive ed insalata (quella riccia tipo scarola), condito con la salsa romesco.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn
Correlati

Potrebbe interessarti

Albania

Vacanze in Albania

Alla scoperta dell’Albania: consigli di viaggio, dove andare e cosa vedere L’Albania per diversi anni rimasta in ombra e poco considerata tra le mete da visitare per un viaggio, negli ultimi tempi si è invece trasformata in una meta must-have. Infatti, l’Albania ha davvero tantissimi luoghi unici da visitare, dalla bellezza delle sue coste e

Vacanze in Grecia

Vacanze in Grecia

Viaggio nella Grecia, culla della civiltà occidentale La sua civiltà ci ha sempre affascinato da quando, da ragazzini, l’abbiamo iniziata a studiare sui libri di storia. Oggi, la Grecia, continua ad essere al centro dei nostri interessi per motivi certamente legati alla ricerca delle nostre origini ma non solo. L’esperienza ellenica, infatti, ben si presta

Museo della 500

Il museo della 500

Il museo della 500: un luogo assolutamente da visitare Se sei in possesso di una Fiat 500, se ne vai orgoglioso, se pensi che questa sia una delle macchine più belle che la Fiat abbia mai messo in commercio, non possiamo che consigliarti di prestare una grande attenzione alla sua cura. Basta così poco infatti

Fabriano La città della carta

Fabriano, la Città della Carta: 3 musei da visitare assolutamente

Sono stati i cinesi ad aver inventato la carta, materiale questo che si è poi diffuso nel resto del mondo grazie alle popolazioni arabe. È a Fabriano però, cittadina dell’entroterra marchigiano, che la carta è stata trasformata sino a diventare il prodotto che tutti noi oggi conosciamo e che tutti noi siamo soliti utilizzare quotidianamente.

SALENTO

Salento, il tacco che fa più bella l’Italia

Non passerà mai di moda il tacco. La sua funzione è estetica, abbellire aumentando la statura e dando slancio al polpaccio. Questo principio non vale solo nell’abbigliamento e solo per le donne. Anche nel calcio il colpo di tacco è considerato una delle soluzioni più spettacolari che ci siano, sono in pochi i giocatori a