Viaggio in Thailandia: consigli utili

La Thailandia è un meraviglioso Paese del Sud-est asiatico, noto per il suo connubio tra palazzi moderni e paesaggi tropicali, meta sempre più frequente per turisti provenienti da ogni dove. Organizzare un viaggio in questa zona del mondo, però, potrebbe essere difficile, poiché bisogna essere in regola con i documenti e gli adempimenti burocratici, al fine di evitare rischi. Inoltre, prima di prenotare il viaggio è utile valutare anche la necessità di stipulare un’assicurazione viaggio per andare in Thailandia e informarsi su quali sono i documenti necessari o utili per visitare il Paese.

Il visto

Se stipulare un’assicurazione viaggio Thailandia non è obbligatorio per legge, è bene informarsi su quali documenti, invece, lo siano. Per quanto concerne il visto, i cittadini italiani non ne necessitano in caso di soggiorni inferiori ai 30 giorni. Tuttavia, è necessario dimostrare il possesso di un titolo di viaggio di uscita dal Paese entro questo periodo. Inoltre, le autorità potrebbero richiedere documenti aggiuntivi. Per soggiorni superiori ai 30 giorni, invece, il visto è obbligatorio. Da alcuni anni è possibile richiedere l’e-Visa online, caricando la documentazione necessaria sul sito web. È consigliabile presentare la domanda almeno 15 giorni prima dell’arrivo previsto. Inoltre, è necessario stampare la notifica ricevuta via mail. La permanenza oltre ai termini riportati sul visto è considerata reato e può comportare l’arresto e l’espulsione a proprie spese.

Il passaporto

Tra i documenti necessari per poter entrare in Thailandia rientra certamente il passaporto in corso di validità. A tutti i cittadini che provengono dall’Italia, infatti, (o più in generale dall’UE) che vogliono recarsi in Thailandia devono essere in possesso di un regolare passaporto con validità minima di sei mesi dal momento dell’ingresso nel Paese ed almeno due pagine bianche per il visto. Inoltre, è bene sapere che sul territorio thailandese è obbligatorio portare con sé il passaporto originale e occorre esibirlo ogni volta che viene richiesto.

La patente di guida è valida in Thailandia?

In Thailandia è possibile guidare un’auto se si è in possesso di una patente internazionale. Vengono considerate valide sia la a patente conforme alla Convenzione di Ginevra del 1949 (che ha validità di un anno e può essere utilizzata nei 101 Paesi aderenti), sia quella conforme alla Convenzione di Vienna del 1968, con tre anni di validità, in vigore negli 84 Paesi aderenti. È bene precisare, però, che nessuna assicurazione straniera è riconosciuta in Thailandia, pertanto bisogna stipulare una polizza temporanea all’ingresso nel Paese.

Vaccinazioni obbligatorie per la Thailandia

Diversamente da come si potrebbe pensare e da ciò che accade in altri Paesi, non vi sono vaccinazioni obbligatorie per poter fare ingresso in Thailandia, eccezion fatta per la vaccinazione contro la febbre gialla. La vaccinazione in questione è richiesta per tutti i viaggiatori che abbiano più di un anno di età e che provengano da un Paese in cui vi è il rischio di trasmissione della febbre gialla o abbiano transitato, per qualsiasi motivo, in un aeroporto dai medesimi Paesi per più di 12 ore.

Condividi